Quanto costa un bonsai? e perché è un buon investimento?

Cosi a primo impatto vi sembrerà strano, ma in tanti ad oggi ogni giorno si pongono e cercando sul vasto mondo del web la seguente domanda: un bonsai quanto costa? Con l’appuntamento odierno, cercheremo di chiarirvi una volta per tutte le idee cercando di togliervi ogni dubbio che avete nella vostra mente.
Iniziamo subito con il dire che esistono al mondo un’infinità di bonsai differenti fra loro, e da essi puoi trarre molto profitto, vediamo nel dettaglio.

Quanto costa un bonsai?

quanto costa un bonsai

quanto costa un bonsai

Per questo semplice motivo, i costi dei bonsai possono cambiare, naturalmente, a seconda della specie, ma si attestano di solito sotto i 50 euro non di più: siamo davanti,quindi, a costi alla portata di tutti in un forte periodo di crisi come questo che sta attraversando da tempo tutto il mondo. Quando dopo vari ripensamenti si prende la decisione di acquistare per la prima volta in assoluto nella propria vita un bonsai, è altamente consigliato puntare su una specie facilissima da curare, che richiede una manutenzione decisamente ridotta e in particolare che reagisce con molta sensibilità agli interventi correttivi: una vivaista sarà dunque perfettamente in grado di consigliarvi senza il minimo problema la soluzione più adatta a voi, a seconda del vostro grado di esperienza che avete nel campo del bonsai davvero molto ricercato. Altra cosa di vitale importanza è procedere all’acquisto di una pianta idonea al luogo dove vivete e dove verrà posizionata; facendo un piccolo esempio, le specie sub-tropicali prediligono gli ambienti maggiormente umidi.

Specie di bonsai


Detto questo, in generale, trai bonsai da interno più semplici da curare si segnalano la serissa, il ficus, la giada, il ligustro e l’olmo, mentre per quanto riguarda i bonsai da esterno vale la pena citare i seguenti: pino, gineptro e acero. I costi dei bonsai in vendita sul web, spesso e volentieri, possono essere molto più bassi rispetto a quelli delle piccole piante in vendita in un qualsiasi garden center della propria città: varrà la pena,dunque, controllare la disponibilità di bonsai anche su Internet cosi da riuscire a trovare veri affarsi da non lasciarsi sfuggire per nessuna ragione al mondo.
Una volta acquistati, i bonsai hanno bisogno, logicamente, di cura ogni giorno o quasi: essi non crescono in natura spontaneamente, ma costituiscono il risultato di continui interventi di rinvaso e potatura che devono essere messi in atto sin dai primi anni, senza scordare assolutamente interventi e applicazioni con tiranti, pesi e fili.

Costi bonsai

Infine, vale la pena ribadire nuovamente che i costi dei bonsai cambiano a seconda della specie: si possono trovare alberelli in vendita a qualche euro cosi come alberelli che richiedono un esborso superiore ai 100 euro. Tra le specie più low-cost bonsai di tutte sicuramente troviamo l’ulivo, che può essere acquistato a circa 15 euro, mentre le azalee, bonsai da esterno dalla fioritura sensazionale, costano sui 50 euro. Una scelta popolare a tutti, in conclusione, è il bonsai ficus, disponibile sui 30 euro circa.
Ricordate sempre che il costo della pianta è legato alla sua vecchiaia.